Trattamento podologico dell’avampiede con solette plantari e ortesi di silicone in pazienti con artrite reumatoide e osteoartrosi

Autori: A. Del Rosso, S. Maddali Bongi, E. Cavigli, B. Ferretti, M. Matucci Cerinic

INTRODUZIONE. Nell’Artrite Reumatoide (AR) e nell’Osteoartrosi (OA), il piede è coinvolto frequentemente (80-90%), e causa severe alterazioni funzionali e deformità strutturali. Queste comportano dolore, difficoltà nella deambulazione, instabilità nel mantenere la postura, con conseguenti disabilità, difficoltà nelle attività della vita giornaliera e ripercussioni sulla qualità di vita (QdV). In entrambe le malattie possono essere colpiti retropiede, mesopiede e avampiede.
Le alterazioni più comuni dell’avampiede sono rappresentate:

  • nell’AR, da alluce valgo, dita a martello, dita a griffe e dal tipiche modifiche dell’ avampiede: triangolare e a colpo di vento.
  • nell’OA, da alluce valgo, dita a griffe.

Per l’avampiede reumatico, spesso, l’approccio farmacologico è insufficiente e deve essere integrato dal trattamento podologico.Nonostante la frequenza delle alterazioni dell’avampiede nell’AR e
nell’OA e i sintomi e la disabilità che possono comportare, esistono pochi studi sul trattamento podologico dell’avampiede reumatico.

SCOPO DELLO STUDIO. Valutare l’efficacia sull’avampiede di pazienti affetti da AR e OA di una soletta in PPT (polipropilentereftalato) e di ortesi digitali in silicone in termini di diminuzione del dolore, disabilità e limitazione funzionale, distribuzioni delle pressioni e superfici plantari

METODI. 24 donne (13 con OA e 11 con AR; età:70,1 6,06 anni, durata di malattia: 10,3 7,68 anni con dolore ai piedi (9,4 8,15 anni) sono state divise all’arruolamento (T0) in 2 gruppi:
il gruppo A è stato trattato per 30 giorni con solette plantari (T1) e nei successivi 30 giorni sono state aggiunte ortesi in silicone (T2).
Il gruppo B è stato trattato per 30 giorni con solette e ortesi in silicone (T1) e per ulteriori 30 giorni solo con solette (T2).
Ad ogni valutazione (T0,T1,T2) sono stati rilevati: dolore, disabilità e limitazione funzionale con Foot Function Index (FFI); analisi statica di pressioni (KPA) e superfici plantari (cm2) con pedana baropodometrica; a T0 e T2 è stato somministrato questionario sul dolore sistemico (5 scale VAS 0-10) e a T2 una scala VAS sulla soddisfazione del trattamento. Per tutte le pazienti sono state confezionate 2 ortesi digitali in silicone (1 per ciascun piede), con silicone monocomponente (2 shores) e 2 solette in PPT traspirante 5 mm a 2 strati: 1 strato morbido a bassa densità (180
kg/m³), 1 a densità più alta (360 Kg/m³).

RISULTATI. Nel gruppo A, l’applicazione della soletta a T1 migliora versus T0 le 3 sottoscale di FFI, che, stabili a T2 (dopo solette e ortesi ) versus T1, rimangono migliori a T2 versus T0 (p<0.05). A T1 versus T0, le pressioni plantari migliorano (p<0.05), con i risultati mantenuti a T2 rispetto a T0 (p<0.05) e nessuna differenza fra T2 e T1(p=NS).
Le superfici plantari a T1 sono migliori di T0 e di T2 (p<0.05) e a T2 migliorano versus T0(p<0.05).
Nel gruppo B, il trattamento con soletta e ortesi digitale a T1 migliora versus T0 tutte le sottoscale di FFI (p<0.05). A T2 versus T0, FFI dolore e disabilità rimangono migliori (p<0.05).
FFI-dolore peggiora a T2 versus T1 con l’utilizzo esclusivo della soletta (p<0.05). Le pressioni plantari a T1 migliorano rispetto a T0 (p<0.05), non variano a T2 versus T1, e il miglioramento è mantenuto a T2 versus T0 (p<0.05). Le superfici plantari non variano in nessuna valutazione (p=NS).
A T2, la soddisfazione rispetto alle terapie, è 6.65 1,56 nel gruppo A e 5.90 2,16 nel gruppo B e il dolore migliora significativamente versus T0 in entrambi i gruppi.

Diapositiva1

CONCLUSIONI
In pazienti con AR e OA, entrambi i protocolli podologici migliorano dolore, disabilità, limitazione funzionale, diminuiscono le pressioni e aumentano le superfici plantari.
Il protocollo più efficace risulta quello che utilizza le solette cui successivamente vengono aggiunte ortesi digitali.

Diapositiva2

podo1

Ultima modifica: 15/12/2013